VR Back to the past

INFO E PRENOTAZIONI: +39 347 0705602

WhatsApp!

IT  |  EN

visite guidate nella città eterna
con la realtà virtuale

VITERBO medievale

Non stupirti se questo viaggio nel tempo ti porterà fuori dalla capitale: Viterbo ha origini importanti e antichissime, che affondano nel Neolitico, e nel Medioevo la storia le dette protagonismo tra le altre cose trasformandola, nel 1266, in sede della residenza papale.

Rivivremo lo sviluppo del territorio viterbese dal Neolitico al Medioevo, vedremo la Piazza del Plebiscito e la Macchina di Santa Rosa, assistiremo all’assassinio di Enrico di Cornovaglia nella Piazza del Gesù e, infine, saremo testimoni del Conclave più lungo della storia…

Disponibile nelle seguenti lingue:

ITALIANO | INGLESE

DISPONIBILE CON REALTÀ VIRTUALE

ALTRI PUNTI DI INTERESSE SUL PERCORSO

ITINERARIO DELLA VISITA

Descrizione del percorso e tappe

Le origini

Fu la civiltà etrusca a fondare i primi nuclei abitativi importanti di Viterbo sul Colle di San Lorenzo, dove oggi sorgono il Palazzo dei Papi e la Cattedrale. I Romani si interessarono a questa zona e, una volta entrata sotto la loro influenza intorno al 310 a.C. l’antica città di Surina crebbe e aumentò d’importanza, e anche il suo nome si latinizzò divenendo Sorrina Nova. La dominazione romana diede vita a nuove colonie fortificate di cittadini romani, a nuove strade e a lavori di ampliamento di quelle già esistenti.

All’inizio del V secolo d.C. la caduta dell’impero romano segnò un periodo di forte crisi durante il quale Goti, Bizantini, Longobardi e Franchi furono autori di numerose invasioni e saccheggi. Ebbero la meglio i Longobardi, che si insediarono a Viterbo fortificando l’altura del colle del duomo e creando un nuovo castrum: il Castrum Viterbii.

Nei secoli successivi Viterbium divenne una tappa prediletta e trafficata per i pellegrini che arrivavano a Roma dal nord, e la città iniziò a vivere un periodo di ricchezza, che culminò con la decisione del Papa di risiedervi, nel 1200. segnò l’inizio del periodo più florido per la città.

Alla metà del 1200 Viterbium era cresciuta demograficamente e la decisione del Papa di risiedervi iniziò il periodo più florido della città…

Piazza del Plebiscito

Fino alla prima metà del XIII secolo questa piazza era occupata solo dal prato del Cavalluccalo e dalla Chiesa di Sant’Angelo in Spatha, una delle più antiche di Viterbo, con il suo cimitero annesso.

Fu solo nella seconda metà del 1200 che questa piazza divenne il centro giuridico della città poiché vennero costruiti, nel lato nord della piazza, il Palazzo del Podestà, ovvero la residenza del Capitano del Popolo, mediatore tra il Papato e il Comune, e di fronte, nel lato sud, il primo Palazzo dei Priori

La piazza si trasformò quindi nel centro nevralgico per la città, sede di nobili, politici e rappresentanti del clero, personaggi tra i più importanti dell’Italia e dell’Europa di quel tempo, che decidevano la sorte della città e il suo impegno all’interno del Papato.

Piazza del Gesù

Prima che, nella seconda metà del 1200, venisse realizzata Piazza del Comune, Piazza del Gesù era la sede della magistratura comunale poiché era qui che si trovava l’antico Palazzo del Podestà e dei Priori, che si riunivano in un fabbricato sotto la Torre del Borgognone.

Il monumento più antico e significativo della Piazza del Gesù è la Chiesa di San Silvestro, la cui costruzione risale all’inizio dell’anno 1000. Successivamente fu chiamata Chiesa del Gesù per l’insediamento dei Gesuiti, all’inizio del 1600.

Piazza del Duomo

Piazza del Duomo, anche chiamata Piazza San Lorenzo, come abbiamo detto in precedenza, rappresenta il nucleo più antico della città, il Castrum Herculi, dove, presumibilmente, sorgeva un antichissimo tempio dedicato a Ercole.

Quando, tra la fine del 1100 e l’inizio del 1200, la città assunse maggiore importanza, in questa piazza furono costruiti la Cattedrale di San Lorenzo e il Palazzo dei Papi.

Questo è il momento... Provalo!

Fai partire la DEMO e utilizza i cursori per guardarti intorno (li troverai nel video, in alto a sinistra)!
Dal vivo, oltre a questa stupefacente ricostruzione, godrai della sensazione di essere completamente immerso nella realtà virtuale dell’Antica Roma, grazie ai visori VR e alla sensazione di un ambiente in tre dimensioni!

Prenota la tua visita!

Hai già provato i visori per la realtà virtuale? Sai cosa ti aspetta e sei pronto a viaggiare nel tempo? O è la prima volta che pensi di partecipare a una visita guidata con questo supporto e vuoi saperne di più?
Vogliamo che la tua esperienza sia entusiasmante, come lo è per noi svolgere questo lavoro, e per questo ti invitiamo a contattarci per costruire insieme il programma più adatto a te, alla tua famiglia, ai tuoi amici o all’istituzione che rappresenti.

Ti ricordiamo che le attività con i visori 3D possono comprendere: visite guidate nei siti artistici e archeologici, attività didattiche e lezioni in classe, attività personalizzate per gruppi di adulti o bambini con una guida ufficiale dedicata e con itinerari personalizzati.

Puoi utilizzare il numero di telefono +39 347 0705602 (anche WhatsApp), scrivere una mail a serena@carlocestra.com o compilare il form sottostante, per raccontarci che tipo di attività vorresti realizzare.

Viterbo Piazza del Duomo ieriViterbo Piazza del Duomo oggi Claudio Caravano, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons
× Vuoi farci una domanda?